Monteverde

Monteverde si estende su un’altura a circa 80 metri sul livello del mare, fino agli anni ’50 il quartiere rappresentava una zona periferica della città ideale per “scampagnate”, sfruttando sia il colle che le ampie superfici verdeggianti del Gianicolo, di Villa Sciarra e di Villa Pamphilj.

Qui, secondo una tradizione, Saturno stabilì il suo regno nella mitica età dell’oro. Un “monte d’oro” di nome e di fatto, per il colore delle argille e delle sabbie, per la buona qualità del terreno, il clima temperato e la ricchezza delle acque, per il colore delle messi mature e dell’uva, pronta a dar vita (dall’antichità fino a cinquant’anni fa) al “vinello bianco di Monteverde”.

A partire dalla fine del 1800 inizi del ’900, partendo dalle pendici del monte Gianicolo verso Trastevere, si iniziarono a costruire ville e villini destinati ad una popolazione alto borghese. Solo a partire dagli anni ’20-30 del secolo XX si iniziò la costruzione della parte più popolosa di Monteverde…

A conferma di una tradizione millenaria a Monteverde sono ancora presenti oggi tante case religiose, tante accademie, e moltissimi cittadini e turisti stranieri.

 

Share Tweet Pin it